Boeing, fatturato in calo nel primo trimestre

Boeing, fatturato in calo nel primo trimestre
28 Aprile 15:18 2022 Stampa questo articolo

Boeing chiude il primo trimestre del 2022 in rosso: il colosso aeronautico Usa ha registrato infatti un fatturato di 14 miliardi di dollari, in calo dell’8% rispetto allo stesso periodo del 2021. A pesare sono i volumi inferiori nel settore difesa e gli oneri sui programmi di sviluppo della difesa, parzialmente compensato dal volume dei servizi commerciali. Il trimestre, in totale, chiude con un perdita di 1,24 miliardi.

«Sebbene il primo trimestre del 2022 abbia portato nuove sfide per il nostro mondo, l’industria e le nostre attività, sono orgoglioso del nostro team e dei continui progressi che stiamo facendo verso i nostri impegni chiave –  ha affermato Dave Calhoun, presidente e amministratore delegato di Boeing – Abbiamo aumentato la produzione e le consegne del 737 Max e compiuto importanti progressi sul 787, presentando il nostro piano di certificazione alla Faa. Nonostante le pressioni sui nostri programmi di difesa e sviluppo commerciale, rimaniamo sulla buona strada per generare un flusso di cassa positivo per il 2022 e ci siamo concentrati sulle nostre prestazioni mentre operiamo attraverso i requisiti di certificazione e avanziamo con diversi programmi chiave verso la produzione. Leader in termini di sicurezza e qualità, stiamo intraprendendo le azioni giuste per promuovere la stabilità nelle nostre operazioni, mantenere i nostri impegni nei confronti dei clienti e posizionare Boeing per un futuro sostenibile».

I ricavi del primo trimestre di commercial airplanes di 4,2 miliardi di dollari sono leggermente diminuiti, principalmente a causa dei tempi di consegne degli aerei widebody, parzialmente compensati da maggiori consegne dei modelli 737. Il margine operativo del (20,6)% riflette anche costi anomali e spese periodiche, inclusi gli oneri per gli impatti della guerra in Ucraina e maggiori spese di ricerca e sviluppo.

Boeing, inoltre, ha quasi completato il ritorno in servizio sicuro a livello globale del 737 Max e la flotta ha effettuato più di un milione di ore di volo totali dalla fine del 2020. Il tasso di produzione del 737 continua ad aumentare e si prevede che arriverà a 31 aerei al mese durante il secondo trimestre.
Per quanto riguarda il 787, l’azienda ha presentato alla Faa il piano di certificazione. La rilavorazione degli aeroplani iniziali è stata completata e l’azienda continua a lavorare a stretto contatto con la FAA sui tempi di ripresa delle consegne. Il programma sta producendo a un ritmo molto basso e continuerà a farlo fino alla ripresa delle consegne, con un previsto graduale ritorno a cinque al mese nel corso del tempo. La società continua a prevedere costi anomali legati al 787 per circa 2 miliardi di dollari, la maggior parte dei quali sostenuti entro la fine del 2023, inclusi 312 milioni di dollari registrati nel trimestre.

La divisione commercial airplanes ha consegnato 95 aerei durante il trimestre e il backlog comprende ora quasi 4.200 velivoli per un valore di 291 miliardi di dollari.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore