Voli dalla Russia banditi: la scelta dell’Europa

Voli dalla Russia banditi: la scelta dell’Europa
28 Febbraio 10:19 2022 Stampa questo articolo

L’invasione russa ai danni dell’Ucraina entra a gamba tesa nel settore dei trasporti e del turismo. Nel fine settimana, dopo le scelte autonome di vari Paesi, l’Unione europea ha imposto il blocco a tutti i voli delle compagnie aeree russe verso i 27 Paesi dell’Ue. Un vero e proprio ban totale che chiude lo spazio aereo sia agli aerei di proprietà russa sia a quelli controllati in a vario titolo da organizzazioni russe (militari, linea e jet privati degli oligarchi) all’interno del pacchetto di durissime sanzioni varato da Bruxelles. Oltreoceano anche il Canada ha adottato lo stop ai voli per le compagnie aeree russe.

Anche la Svizzera, solitamente neutrale e sede di enormi asset finanziari degli oligarchi russi, in queste ore ha annunciato che adotterà “integralmente” le sanzioni dell’Ue contro la Russia come ritorsione per l’invasione dell’Ucraina e quindi si appresta a chiudere anche lo spazio aereo.

A queste misure c’è stata oggi la risposta della Federazione russa che ha chiuso di conseguenza lo spazio aereo alle compagnie aeree di 36 Paesi (inclusa tutta l’Unione europea e il Canada).

Tra le altre decisioni, poi, l’Ue ha sancito l’uscita di alcune banche russe dal sistema Swift, lo stop alle transazioni finanziarie, il congelamento degli asset esteri per la Banca centrale russa e lo stanziamento di quasi 500 milioni di euro per fornire armamenti alla popolazione ucraina.

Per il presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen «stiamo chiudendo lo spazio aereo europeo ai russi e i velivoli non potranno atterrare, decollare e nemmeno sorvolare il territorio Ue». Nel frattempo anche Usa e Canada hanno intrapreso la stessa scelta nei confronti dei velivoli di proprietà russa.

Nel weekend, quindi, è avvenuta la temuta escalation rispetto alla chiusura dei voli dopo che Uk e Russia avevano reciprocamente adottate talij misure già venerdì scorso. Tra sabato e domenica la chiusura dello spazio aereo ha interessato anche Slovenia, Repubblica Ceca, Bulgaria, Polonia e Romania e successivamente si sono accodate Italia, Francia, Germania, Islanda, Danimarca, Olanda e Belgio.
In ogni caso, la chiusura dello spazio aereo europeo costringerà le compagnie aeree a ridisegnare le rotte, soprattutto quelle dirette verso l’Asia, con un conseguente aumento dei tempi di voli e del costo del carburante.
Nonostante il ban europeo sia valido solo per gli aerei di proprietà russi, la maggior parte delle compagnie aeree continentali (da Klm a Lufthansa) ha cancellato i propri voli diretti verso Mosca, operando nella giornata di domenica gli ultimi voli e riportando indietro aeromobili ed equipaggi. I passeggeri delle compagnie (tra questi anche alcuni italiani, ndr) rimasti bloccati in Russia dovranno quindi trovare delle soluzioni alternative per tornare a casa: tra queste è prevedibili la scelta di voli con scalo in Turchia e negli Emirati arabi per poter poi imbarcarsi su un volo diretto verso il proprio Paese,.
  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore