Meeting and Event Manager, arriva la certificazione professionale

Meeting and Event Manager, arriva la certificazione professionale
09 Dicembre 11:30 2020 Stampa questo articolo

Anche per i meeting and event manager arriva la certificazione professionale. Ad annunciarlo, le associazioni  di settore, Federcongressi&eventi e Mpi Italia Chapter, evidenziando il fatto che il titolo avrà ora una identità riconosciuta che fa riferimento alla norma UNI 11786, relativa alle attività professionali non regolamentate, tra cui i meeting and event manager.

Grazie alla convenzione sottoscritta con Intertek (multinazionale accreditata da Accredia per l’erogazione di servizi di ispezione e certificazione di sistemi di gestione e di prodotto e di persone) sia Federcongressi&eventi che Mpi Italia Chapter  diventano centri di esame autorizzati per il conseguimento della certificazione professionale. Sono state già definite le date d’esame: 21 gennaio e 22 marzo 2021 a cui seguiranno ulteriori sessioni a giugno e ottobre.

«Abbiamo atteso questo momento – spiega Maddalena Milone, imprenditrice pugliese, vicepresidente Sezione Turismo Confindustria Bari Bat e presidente Mpi Italia Chapter  – con la consapevolezza di offrire ai colleghi del settore un’opportunità di riconoscimento ufficiale di una professione molto articolata, che richiede un costante aggiornamento per mantenerne elevati gli standard qualitativi a garanzia del cliente e dei fornitori. Ottenere questo riconoscimento dall’Ente di Normazione Italiano è un traguardo prestigioso che eleva gli standard professionali di competenza e quindi l’autorevolezza della filiera congressuale. Abbiamo una certificazione e la renderemo una best practice internazionale».

All’esame possono accedere i professionisti con comprovata esperienza professionale nel ruolo: sono richiesti 5 anni di esperienza professionale se in possesso di Diploma di Maturità, 3 anni di esperienza professionale se in possesso di Laurea,  e almeno 60 ore di formazione specifica.

La certificazione professionale si ottiene superando l’esame che si basa su 3 prove, 2 scritte e 1 orale, relative alle cinque fasi di attività del Meeting and Event Manager e a tre attività trasversali descritte nella norma UNI 11786. Le cinque fasi di processo di organizzazione degli eventi riguardano il presidio del mercato, la progettazione, l’organizzazione pre-evento, lo svolgimento evento, la gestione post-evento. Mentre le tre attività trasversali sono la Comunicazione, la Gestione economico finanziaria, e la Safety e Security.

Le associazioni di categoria hanno previsto delle attività di formazione a supporto dei candidati per la preparazione all’esame e per il mantenimento della certificazione.  Il percorso formativo è personalizzabile per ogni partecipante e la proposta si articola in: Study Session, con un modulo formativo di preparazione alla prova d’esame; Seminari in pillole, con moduli formativi on demand, su piattaforma di formazione a distanza, per approfondimento di temi specifici.

La certificazione di Meeting and Event Manager è un percorso continuo che si ottiene con il superamento dell’esame; il mantenimento prevede la  partecipazione a 16 ore di formazione all’anno mentre al termine di 3 anni è necessario rinnovarla.

L'Autore