Gattinoni e la relazione con le adv: «Obiettivo più volumi e clienti»

Gattinoni e la relazione con le adv: «Obiettivo più volumi e clienti»
23 Novembre 07:00 2022 Stampa questo articolo

«Il ruolo del network ora e nel futuro sarà quello di supportare le agenzie – offrendo e aggiornando costantemente strumenti, tecnologia, formazione, crm, comunicazione e molto altro –  in un percorso di riposizionamento affinché possa soddisfare e rispondere al cliente di oggi ma soprattutto quello di domani». Sergio Testi, direttore generale del Gruppo Gattinoni, delinea obiettivi e strategie delle reti di agenzie di viaggi in un contesto in cui il consolidamento in atto, le nuove esigenze del viaggiatore post Covid, e la concorrenza dei colossi dell’ecommerce stanno mettendo in discussione il modello in auge fino ad oggi.

Anche perchè, il valore del network è progressivamente cambiato: «dovrà continuare certamente a garantire e sviluppare le migliori condizioni economiche per le agenzie, fondamentali per i buoni risultati finali, ma deve e dovrà sempre più contribuire a far aumentare i volumi e i clienti delle agenzie, aiutarle a conquistare nuove fette di mercato, nuovi clienti ed evitare di perdere quelli che già erano fidelizzati».

«Il cliente è cambiato moltissimo; post pandemia ha esigenze completamente diverse, si sente molto più autonomo e capace di organizzarsi le vacanze e ha aspettative diverse rispetto al passato in merito ai servizi, modalità e tempi di risposta. Il valore del network sarà sempre più quello di accompagnare le agenzie di viaggi in questo percorso per diventare innovative, evolute, in grado di gestire un cliente che non va solo in agenzia ma vuole ricevere informazioni immediate attraverso diversi canali (email, siti web, messaggistica, canali social, negozio fisico) con prodotti digitali diversi (immagini, video, preventivi, documenti) dal divano di casa, o mentre viaggia in treno o in metro», riprende Testi.

Il direttore generale, però, rimarca la necessità di un nuovo modo di intendere anche il lavoro stesso dell’agente. «Dobbiamo essere innovativi e veloci nella modalità di gestione dei clienti per quanto riguarda la consegna dei preventivi, fidelizzazione, la vendita e l’orientamento a nuovi cluster di clientela. Il cliente è inoltre cambiato si è passati da poche lunghe vacanze all’anno a diverse pause di vacanze più brevi durante tutto l’anno per vivere tante diverse tipologie di esperienza di break, vacanza, viaggio; il comportamento dei clienti è mutato e un’agenzia deve essere in grado di soddisfare le richieste e aspettative in tutte le sue forme».

Anche per questo motivo il Gruppo Gattinoni – oltre alle acquisizioni effettuate negli ultimi anni (tra queste l’ultima è quella di Robintur) – ha realizzato «un forte piano di investimenti negli ultimi 10 anni e in particolare negli anni di pandemia e continuerà a farlo per offrire alle agenzie del proprio network servizi, consulenza e affiancamento, strumenti tecnologici, di comunicazione, marketing, formazione, ricerche e analisi, indispensabili per restare e diventare i referenti ideali per l’organizzazione delle vacanze di oggi e di domani per diverse tipologie di clienti», chiosa il manager.

Riguardo al trend invernale delle prenotazioni, Testi evidenza un buon andamento per le destinazioni lungo raggio, sia per viaggi e itinerari ma soprattutto per vacanze mare. «Tra le mete più richieste l’Oceano Indiano e alcune isole dei Caraibi, in particolare la Repubblica Dominicana. Gli Emirati Arabi continuano ad avere una buona richiesta mantenendo i numeri, già alti, realizzati lo scorso anno anche grazie ad Expo. La situazione Italia è ancora in fase di definizione. Da segnalare, invece, l’arrivo di richieste e conferme per l’estate 2023. Il cliente sta gradualmente recuperando le abitudini del passato con una tendenza al ritorno all’advance booking – aggiunge il direttore generale – Certamente il valore del dollaro, le alte tariffe aeree e altro, potrebbero portare nuovamente ad un’impennata delle prenotazioni sotto data, ma l’arrivo di richieste per l’estate 2023 è, a nostro avviso, un segnale positivo».

L'Autore

Gabriele Simmini
Gabriele Simmini

Redattore. Specializzato in trasporto aereo, network di agenzie di viaggi, tecnologia, estero, economia e fiere internazionali.

Guarda altri articoli