Usa, riconquista dei turisti Ue
nonostante il cambio euro-dollaro

Usa, riconquista dei turisti Ue <br>nonostante il cambio euro-dollaro
28 Settembre 10:28 2022 Stampa questo articolo

(FRANCOFORTE) La “grande” America adesso punta sulle piccole realtà. Accanto alle metropoli  gigantesche e gli spazi sconfinati, l’offerta turistica Usa del post pandemia vuole essere sempre più sostenibile e inclusiva. Scommettendo, quindi, su destinazioni ed esperienze che valorizzano le relazioni umane e il cibo di qualità. Almeno per il mercato europeo.

È il dato che emerge dalle prime battute della Brand Usa Travel Week, giunta alla sua quarta edizione, che si svolge a Francoforte e alla quale sono accreditate 500 persone, tra operatori e giornalisti. Gli oltre 200 buyer e i 36 giornalisti presenti provengono da 18 Paesi, tra Europa e Regno Unito. 127 gli espositori che rappresentano le destinazioni d’oltreoceano.

brand_usa_francoforte

Secondo una ricerca di Expedia, gli europei chiedono che la vacanza negli States sia inclusiva e sostenibile. Il 69% degli intervistati ha dichiarato di cercare opportunità di viaggio nelle quali la sostenibilità riguardi, non solo la  struttura ricettiva e le attività, ma anche il mezzo di trasporto. Un intervistato su due è alla ricerca delle mete meno conosciute.

Ma anche se le esigenze manifestate nel vecchio continente non  corrispondano all’immagine convenzionale degli Stati Uniti, il primo anno del dopo Covid ha fatto registrare una ripresa più che incoraggiante, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole per gli europei.

«Alla fine dello scorso anno pensavamo che nel 2022 avremmo potuto raggiungere il 50% di quanto avevamo registrato nel 2019», ha detto Chris Thompson, ceo di Brand Usa, nel discorso di apertura della manifestazione, «ma al momento i numeri indicano già due terzi delle cifre pre pandemia».

L’evento, che per la prima volta si tiene in Germania, si concluderà giovedì.

L'Autore

Giampiero Moncada
Giampiero Moncada

Guarda altri articoli